Comune di Felonica

Biblioteca Comunale C.Zavattini

Care Amiche e cari Amici,

la Biblioteca desidera creare un gruppo di lettura.

L’idea è molto semplice: proviamo a leggere tutti lo stesso libro (sempre per conto nostro, s’intende), ma poi invece di passare immediatamente al successivo, ci diamo un appuntamento per scambiare due parole su quanto abbiamo letto. Niente di complicato o troppo impegnativo: se ci è piaciuto o se l’abbiamo abbandonato a pagina cinque, cosa ci ha colpito di più, e così via... Giusto per sentire qualche parere diverso e per condividere il nostro, magari conoscendoci anche un po’ di più tra lettori...

Per iniziare ci incontriamo

giovedi 6 marzo alle ore 17.30

presso la biblioteca

=================================

 


 

Il momento del taglio della torta

 

SERMIDE, 21 ottobre 2013Nella prestigiosa cornice di Villa Schiavi è stato festeggiato nel tardo pomeriggio di domenica scorsa il 25° genetliaco della Università Aperta Sermide. Alla presenza del presidente della Provincia, dei amministratori di Borgofranco, Carbonara, Felonica e Sermide oltre che del presidente del Consorzio dell’Oltrepò Mantovano, sono stati ripercorsi gli eventi culturali promossi in questi cinque lustri di attività sotto la guida di Carlo Alberto Ferrari e con il commento musicale dell’“Italian street jazz quartet”. Con le parole degli intervenuti è stato riconosciuto “il valore aggiunto sul territorio da parte della UAS, la cui partenza aveva l’obiettivo di valorizzare le eccellenze culturali di una intera zona”. Le seguitissime lezioni hanno sempre inteso “fare una apertura dell'anima” alla musica, alla letteratura e all’arte. Con l’ausilio di alcune proiezioni sono state ripercorse varie rappresentazioni teatrali curate dalla UAS, fra cui le “Giornate della memoria” che hanno costituito un classico di teatro popolare agito dai figuranti del “Gruppo ‘900” nato in seno alla università. Ripercorso anche l’intervento per il centenario di villa Bisighini a Carbonara e in occasione della inaugurazione del restauro di palazzo Cavriani a Felonica. Il sindaco di Carbonara Gianni Motta spesso presente con le sue lezioni di teatro, ha sottolineato “la grande attenzione degli uditori e la fondamentale importanza della UAS nel territorio”. Dopo 25 anni di intensa attività, nei vari interventi che si sono susseguiti, le prospettive sono state considerate “ancora più stimolanti perché con la cultura c'e crescita di una comunità sovra comunale”. Un merito della gestione della dottoressa Anna Paola Longhini e dei suoi collaboratori è stato quello di “avere varcato i confini semidei con un messaggio che si sta dilatando”. Al centro dei festeggiamenti c’è stata la fondatrice Mirta Bellodi la quale ha fatto presente “che il modello della UAS è stato anche esportato in altre province”. Verso il termine della celebrazione il “Gruppo ‘900” ha animato in un tripudio di tricolori la ricostruzione storica dei fatti sermidesi del 1848 eseguita nel 2011 nel corso dei festeggiamenti per l’Unità d’Italia.

===============================

QUINGENTOLE, mercoledì 28 novembre 2012

 

Accompagnandoci dentro a ciò che resta del prestigioso teatro comunale dopo le scosse di maggio, il sindaco Alberto Manicardi ha l’atteggiamento di colui che ti mostra una ferita che vorrebbe guarire subito pur essendo privo dei mezzi necessari. “Sembrava di essere sul punto di ottenere dei fondi per i primi lavori di sistemazione, ma poi siamo stati delusi – ha dichiarato-. Si è anche dovuto frenare lo slancio di chi avrebbe fatto chissà quali azioni di protesta pur di salvare il salvabile in attesa di un completo recupero”. Le risorse stanziate a suo tempo per le opere provvisionali, sono state inaspettatamente depennate. La motivazione consisterebbe nel fatto che il manufatto per la Protezione civile non rappresenti”una minaccia al pubblico passaggio”. Presentando la richiesta di fondi non è bastato evidenziare il suo inserimento nel complesso degli edifici municipali, con una mensa scolastica a pochi metri, il passaggio alle strutture sportive sull'altro lato e la sua ncollocazione nel bel mezzo del cortile del palazzo comunale. Inizialmente erano stati attribuiti 300.000 euro, ma la pratica non ha avuto seguito. E’ grave anche il fatto che la nefasta azione degli agenti atmosferici stia distruggendo lacerti affrescati degli ambienti cinquecenteschi nei quali il teatro è stato ricavato alla fine dell’800. Di tutto ciò che serviva fare, si è potuto solo rimuovere le macerie incombenti con un contributo di 25mila euro donati dal Comune di Valpolicella.

 

 

2012 11280004

 

Nella foto il teatro crollato.


SERMIDE, 17 ottobre 2013- L’Università  Aperta di Sermide compie 25 anni. Per festeggiare l’evento domenica prossima a Villa Schiavi alle ore 16.00 inizierà la celebrazione di questa lunga attività culturale, alla presenza dei sindaci di Borgofranco, Carbonara, Felonica e Sermide. Il “Gruppo ‘900” nato nell’ambito della Università, si esibirà con letture, e piece teatrali, mentre l’intrattenimento musicalke è stato affidato a “Italian street jazz quartet”. Il tutto con la regia di Carlo Alberto Ferrari. L’U.A.S. è stata fondata nel  1988, come associazione culturale senza fini di lucro e sul suo sito si legge che fu “grazie alla volontà  di un gruppo di persone, sull’esempio di molte realtà già attive in Inghilterra  ospitate in sedi prestigiose. Nel tempo gli intenti non sono cambiati. Ha fatto storia la voglia di cultura di questo gruppo che si è creato una precisa collocazione sul territorio, grazie all’ottimo livello dei relatori, agli interventi prestigiosi di scrittori, giornalisti etc. Continuando ad investire sulla cultura, perché ciò permette di vivere a tutto tondo mantenendo vive le curiosità, i progetti, le relazioni sociali, l’Università Aperta Sermide offre costantemente un ampio panorama di proposte culturali  relative a varie discipline, visite a musei, partecipazione a spettacoli teatrali in grandi città.

=====================================

 

Comunicato stampa

Il Comune di Ferrara ha attivato un conto corrente per raccogliere i contributi di persone e di soggetti pubblici e privati interessati a sostenere i lavori necessari a riaprire Palazzo Massari e le sue raccolte d'arte: Museo Giovanni Boldini, Museo dell'Ottocento, Museo d'Arte Moderna e Contemporanea "Filippo de Pisis".

L'edificio tardo-cinquecentesco è infatti inagibile a causa dei danni provocati dal terremoto del maggio 2012: le preziose collezioni che custodiva sono state quindi ricoverate in luoghi idonei e, in parte limitata, riallestite a Palazzo dei Diamanti per la mostra Boldini, Previati e De Pisis. Due secoli di grande arte a Ferrara, aperta fino al 13 gennaio 2012. Per restituire stabilmente al pubblico questo patrimonio di opere di grandi artisti ferraresi sono necessari ingenti lavori di consolidamento e restauro della sede museale che l'Amministrazione comunale è in grado di sostenere solo in parte.

Per questa ragione è stata avviata una campagna di raccolta fondi che prevede l'apertura di un conto corrente bancario dedicato. Per contribuire è possibile effettuare versamenti tramite bonifico bancario su c/c 37874, intestato a Fondazione Ferrara Arte presso CARIFE, IBAN IT 72 J 06155 13000 000000037874, causale "Riapertura di Palazzo Massari".

A partire dalla prossima settimana sarà poi disponibile in mostra un box per la raccolta delle offerte in contanti.


Per informazioni: www.palazzodiamanti.it, 0532 244949

massari